recensioni


VIOLENT FEMMES


I Violent Femmes sono stati fra i protagonisti della rivisitazione in chiave moderna della musica folk operata nel corso degli anni ottanta. La loro musica attingeva a piene mani da Bob Dylan e dal folk tradizionale, ma non mancavano accenni punk, filtrati, sovente, da un canto reediano .


La musica dei Violent Femmes, prevalentemente acustica, ha raggiunto i suoi apici creativi nell’album omonimo, datato 1982. L’abrasiva Blister In The Sun; il folk a metà strada fra Lou Reed e i Gun Club di Kiss Off, la più tradizionale Please Do Not Go; l’elegiaca Good Feelings, lenta e malinconica, col valore aggiunto dell’introduzione del violino; Add It Up tradisce peraltro l’influenza di Tom Verlaine, almeno sino a che non si lancia in un boogie sfrenato, prima di un assolo sgangherato e di un finale dominato dal basso, sono la tracce più profonde.


Halloweed Ground, del 1984, pende per una certa linearità nelle partiture, particolarmente evidente in Country Death Song.


DISCOGRAFIA


· Violent Femmes (1982) *** ½


· Halloweed Ground (1984) ***



Home