recensioni


FABRIZIO DE ANDRE’


Validissimo autore di testi, ma decisamente ripetitivo come musicista, Fabrizio De Andrè esordisce negli anni ’60, e ispirandosi ai chansonniers francesi realizza una serie di canzoni eccelse (“La Guerra Di Piero”, “La Canzone Dell’Amore Perduto”).


“La Buona Novella” e “Tutti Morimmo A Stento” sono fra i primi concept-album italiani, ridondanti e pregni di stilemi classicheggianti, mentre Volume VIII segna il ritorno alla forma canzone (“Amico Fragile”, “La Cattiva Strada” e, soprattutto, “Oceano”). “Rimini”, del 1978, strizza l’occhio alle classifiche di vendita ( “Andrea”, “Avventura A Durango”, “Sally”).


Nell’”Indiano”, De Andrè rincara la dose, con brani come “Fiume Sand Creek”.


“Creuza De Ma” segna la svolta verso una musica molto meno commerciale, al pari di “Le Nuvole” (con “Domenica Delle Salme”).


“Anime Salve”, la sua ultima fatica, è anche uno dei suoi dischi migliori, con la title-track e “Disamistade”.


DISCOGRAFIA


Fabrizio De Andre' - Volume I (1966) *** ½


Volume VIII (1975) ****


Rimini (1978) ***


Fabrizio De Andre', (Indiano) **


Creuza de ma (1984) ***


Le nuvole (1990) ***


Anime Salve (1996) *** ½



Home